Home

Chi sono

Conferenze

Insegnamento

Articoli pubblicati

Suggerimenti

Link e risorse

Area riservata

Contatto

 
Come faccio a ricordarmi tutte le mie password?

Così come non è saggio avere una sola chiave che apre tutte le porte, può essere molto pericoloso usare una sola password per tutte le applicazioni.

È davvero importante che ogni applicazione abbia una password differente a secondo della sua importanza e criticità. Ad esempio non è prudente usare la stessa password per accedere a un gioco on-line, a Facebook, al nostro conto bancario o al nostro computer sul posto di lavoro; potrebbero esserci dei grossi guai se venisse catturata o rubata.
Dobbiamo quindi rassegnarci ad avere numerose password così come abbiamo più chiavi nel nostro portachiavi.

Per gestire queste password sempre più numerose ci vengono in aiuto dei programmi, i password manager, che come i portachiavi ci permettono di memorizzarle in modo sicuro tutte le nostre passwo Un altro grosso vantaggio dei password manager è quello che ci permette di inserire direttamente e automaticamente le credenziali, recuperandole dal suo database senza doverle digitare sulla tastiera.
Su Internet si trovano numerosi password manager che memorizzano le password sia sul cloud (se vi fidate) sia direttamente sul vostro computer, tablet o smartphone (se siete un po' più paranoici sulla sicurezza).

Se non siete un esperti di informatica potete scegliere un sistema semplice da usare come Bitwarden.
Bitwarden è un password manager Open Source con i dati memorizzati su cloud che permetto di sincronizzare in modo automatico e trasparente le password su diversi sistemi. Fornisce tutte le garanzie di sicurezza e è anche stato certificato con una revisione sulla sicurezza.
Il fatto che i dati delle password sono conservati sul cloud (in Florida) significa però che i loro server sono un obiettivo di grande valore per un hacker. Inoltre a fronte delle richieste di un’agenzia del governo americano dovrebbero consegnare i dati. Dati che sono oggi cifrati e sicuri ma senza garanzie per il futuro.

Se siete attenti alla vostra sicurezza e alla vostra privacy, è meglio utilizzare un password manager che utilizza database memorizzato a livello locale come KeepassXC che richiede un po’ più di competenza tecnica. Infatti se volete condividere le password su diversi sistemi dovete preoccuparvi di sincronizzarle manualmente su Dropbox o Google Drive. Non ci sono problemi di sicurezza perché il file delle password é cifrato e non dà nessuna indicazione di essere un file di password (a meno che non lo chiamate password…)

Questo permette di metterci al riparo di eventuali keylogger che potrebbero catturare quello che digitiamo sulla tastiera.

Naturalmente tutte le chiavi memorizzate in questi programmi sono cifrate e protette da una password che deve essere scelta con cura e custodita con attenzione per non perderla.
Perché se perdete la chiave del portachiavi ...... è veramente un bel problema!